Sfogliato da
Categoria: La stanza di Micaela

Milano Design Week: 5 eventi da non perdere

Milano Design Week: 5 eventi da non perdere

Sempre più iconica e amata, Milano accoglie come ogni anno la Design Week, quest’anno dal 15 al 21 aprile. Il Salone del Mobile a Rho Fiera sarà ovviamente il grande protagonista, ma se volete assaporare il vero spirito del design milanese dovete assolutamente partecipare agli eventi che per tutta la settimana sono previsti in città. 1. Gaetano Pesce alla Biblioteca Ambriosana Gaetano Pesce ci ha lasciato da pochi giorni e la comunità artistica e intellettuale ha perso un granitico rappresentante….

Leggi tutto Leggi tutto

Horrified, il progetto fotografico sui bunker siciliani e la memoria collettiva

Horrified, il progetto fotografico sui bunker siciliani e la memoria collettiva

“Horrified” (inorridito, terrorizzato) è il nome in codice con cui gli Alleati identificavano il territorio siciliano durante la Seconda Guerra Mondiale. Proprio in Sicilia, tra il 9 e il 10 luglio 1943, ebbe inizio “lo sbarco” denominato “Operazione Husky”, primo passo dell’offensiva Alleata contro l’Asse. Le vestigia delle innumerevoli infrastrutture belliche, postazioni difensive e logistiche della Seconda Guerra Mondiale, se ne stanno più o meno ignorate sparse per tutta l’isola, la maggior parte abbandonate, alcune divelte dal passaggio di una…

Leggi tutto Leggi tutto

Morte e Altri Dettagli: un affascinante mistero nel Mediterraneo

Morte e Altri Dettagli: un affascinante mistero nel Mediterraneo

Imogene Scott, da bambina, vede sua madre morire in una terribile esplosione e viene adottata dalla ricchissima famiglia Collier. Un abilissimo detective, Rufus Cotesworth, viene incaricato di risolvere l’omicidio e crea un legame con la giovane ma intelligentissima Imogene. Rufus però abbandona il caso e la bambina al suo destino, senza risolverlo. 18 anni dopo, in occasione di una crociera organizzata dalla famiglia Collier, si ritrovano sulla nave Varuna, una ricostruzione perfetta di una nave anni 50 di proprietà dell’armatore…

Leggi tutto Leggi tutto

5 MOSTRE DI MODA DA NON PERDERE NEL 2024

5 MOSTRE DI MODA DA NON PERDERE NEL 2024

Con un po’ di organizzazione e la complicità di compagnie aeree low cost, quest’anno possiamo viaggiare in Europa a caccia delle mostre di moda più attese e interessanti. HARD/SOFT Textiles and Ceramics in Contemporary Art Prendete un aereo per Vienna per visitare il MAK, il Museo di Arti Applicate della capitale austriaca. Giratelo tutto, fate anche una puntata al SalonPlafond, il bellissimo ristorante interno, e poi recatevi nella hall dedicata alla mostra. Non si tratta di una classica esposizione di…

Leggi tutto Leggi tutto

Escher a Roma, la bellissima mostra dedicata al genio olandese

Escher a Roma, la bellissima mostra dedicata al genio olandese

Maurits Cornelis Escher è stato un artista che ha rotto le regole dello spazio e della geometria, della visione e del piano bidimensionale, elevando la grafica e l’illustrazione a vere forme d’arte. Personalmente trovo sempre affascinante entrare in contatto con questi personaggi illuminati, che nel loro campo hanno saputo divergere, allontanarsi, dedicarsi a cose che solo loro potevano vedere, per seguire un nuovo sentiero, una nuova strada, che ora ci sembra così familiare. Gli artisti olandesi, poi, sono i più…

Leggi tutto Leggi tutto

Sanremo 2024, la finale è piena di bellezza

Sanremo 2024, la finale è piena di bellezza

Renga Nek- Pazzo di te: 6 e 1/2 Vestiti da ragionieri del catasto nel giorno della festa aziendale, in grigio con la cravatta. Li preferivo con quei completi di dubbio gusto cromatico. BigMama- La rabbia non ti basta: 9 Lorenzo Seghezzi , artigiano specializzato in queer couture e corsetti, ha curato l’immagine di BigMama in modo impeccabile. Ingabbiata in lacci e crinoline, ma anche liberata nella sua estrema femminilità, lei per me è la rivelazione di Sanremo 2024. Gazzelle- Tutto…

Leggi tutto Leggi tutto

Sanremo 2024, la terza serata tra look più o meno riusciti

Sanremo 2024, la terza serata tra look più o meno riusciti

Il Tre- Fragili: 7 Inizia a fare caldo all’Ariston, Il Tre si leva un terzo degli abiti, cantando con un completo nero pieno di luce ma senza camicia. Canta “Siamo fragili”: spero non intendesse di salute. Maninni-spettacolare: 7 Scambio di fiore con matita con Alfa (punti FantaSanremo per le elezioni europee). Primissimi piani che svelano una serie di gioielli di diamanti molto delicati e raffinati. Total look nero Antonio Riva, elegantissimo. Bnkr44- Governo punk: 8 La reference old America rende…

Leggi tutto Leggi tutto

Sanremo 2024, seconda serata: i look e le pagelle

Sanremo 2024, seconda serata: i look e le pagelle

Fred De Palma- il cielo non ci vuole: 8 Fred De Palma si conferma anche stasera uno dei più eleganti partecipanti maschili della storia di Sanremo. Lo adoro. Con la maglia traforata e lo scialle annodato è bellissimo. Renga Nek- Pazzo di te: 1 Ogni volta che Renga si veste, un’armocromista muore. Due sere su due toppa clamorosamente il colore, l’abbinamento, tutto. Nek segue a ruota senza dignità stilistica. Dargen D’Amico- Onda alta: 9 Dargen è la persona con cui…

Leggi tutto Leggi tutto

Sanremo 2024, prima serata: cosa raccontano i look degli artisti in gara

Sanremo 2024, prima serata: cosa raccontano i look degli artisti in gara

Clara- Diamanti grezzi: 7 Abito space age del nuovo millennio di Armani Privè. Clara segue in trend delle clean girl e si presenta molto acqua e sapone. GenZ all’ennesima potenza. Sangiovanni- Finiscimi: 6 In un completo over (molto over, pure troppo) di GCDS total white sembra un angelo uscito da Good Omens. Look monocromatico come una coppetta al fiordilatte con una broche d’oro al posto della cialda. Fiorella Mannoia- Mariposa: 8 “Per sempre sarò libera e orgogliosa canto”. Punti Fantasanremo…

Leggi tutto Leggi tutto

“Povere creature!”: un inno alla libertà del corpo e dello spirito

“Povere creature!”: un inno alla libertà del corpo e dello spirito

Il regista Yorgos Lanthimos, con i suoi film, ci ha abituato a universi paralleli in cui il nostro senso logico viene sospeso dopo pochi secondi dai titoli di testa. “Povere creature!” non è diverso: ci abituiamo quasi subito a cani con la testa di un’oca o a galline con la testa di un bulldog francese, ridacchiando giusto all’inizio. L’universo che crea il regista segue regole coerenti nella sua visionarietà: dai costumi alla fotografia, dai dialoghi alla trama, la sensazione di…

Leggi tutto Leggi tutto